Plesso Vincenzo Gemito

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

E’ stata la prima scuola media pubblica operante sull’Isola dall’anno scolastico 1962/63 ed è ospitata nell’edificio progettato dall’Ing. R. Adinolfi, dal 1963. La sede ha visto più fasi di adeguamento strutturale con modifiche ed ampliamenti dovuti all’incremento demografico. Gli interventi si sono concretizzati con la copertura del cortile ad ovest, la costruzione di quattro aule e il raddoppiamento dei servizi ai due piani. Successivamente, ci sono stati alcuni adeguamenti tecnici (impianto elettrico a norma, impianto antincendio, antifurto con allarme, scala di emergenza, rampa per disabili) e la copertura del terrazzo lato nord, la realizzazione di un’attrezzata sala polifunzionale e di un laboratorio musicale nel 2012. La struttura si articola su due piani. Al piano terra trovano spazio: la presidenza, gli uffici di segreteria, una piccola sala insegnanti, la biblioteca comunale, il laboratorio scientifico e artistico, uno spazio adibito a palestra, tre aule e i servizi; Al primo piano si trovano: la biblioteca, sei aule, il laboratorio di Informatica, la Sm@rt Room, il laboratorio musicale, la sala polifunzionale e i servizi.

 

La scuola è intitolata allo scultore, disegnatore e orafo Vincenzo Gemito, considerato dai suoi contemporanei, al tempo stesso un genio e un folle, ma le cui opere sono tenute in altissima considerazione dalle gallerie internazionali e dai collezionisti. Vincenzo Gemito nacque in una famiglia povera, figlio di un taglialegna. Il giorno dopo la sua nascita la madre lo consegnò ad un orfanotrofio (l'orfanotrofio dell'Annunziata), dove visse per alcuni anni con altri orfani e dove gli fu assegnato il nome "Genito", poi trasformatosi in "Gemito". Nel giugno del 1862 fu adottato da una famiglia che aveva di recente perso un bambino. Il padre era un artigiano e il giovane Vincenzo cominciò presto ad assaporare i confini di pittura e scultura. Con la sua prima opera importante, il giocatore di carte (1868, oggi al Museo di Capodimonte a Napoli), partecipò alla I Esposizione della Promotrice.


Allegati

Non sono presenti allegati in questa pagina

Contatti